C.A.I. Foggia 2017

 

 


     

21 maggio -Vignanotica – Baia delle Zagare - Parco Nazionale del Gargano - 17a giornata Nazionale dei sentieri del CAI e Federparchi

 

L’Ente Parco ha messo a disposizione un pullman da Foggia fino all’attacco del sentiero che porta a Vignanotica (Ristorante “La Montagna” – SP53, km 70,1 ) e ritorno a Foggia, a disposizione degli studenti. La sezione di Foggia un altro pullman per soci e simpatizzanti, fino a riempimento. Cammineranno con noi circa 50 giovani di tutta Europa che studiano all’Università di Foggia dell’Ass. ESN (Erasmus Student Network)
 
Appuntamento:Villa Comunale di Foggia ore 8.20
Direttori: Ester Guida, Riccardo Cusmai, Raffaele Berlantini.
 
Programma
1) - Villa Comunale di Foggia ore 8.20
2) - Ore 8.30 partenza con pullman per Vignanotica – Ristorante La Montagna – all’inizio della strada che scende alla spiaggia di Vignanotica. Vi saranno due pullman, uno riservato agli studenti dell’ERASMUS, l’altro per soci e simpatizzanti. Da dietro il Ristorante La Montagna inizia il percorso.
3) - FINE PERCORSO: Strada Provinciale 53, sopra Baia delle Zagare
DESCRIZIONE DEL PERCORSO
Trekking su uno dei percorsi più interessanti dal punto di vista naturalistico all’interno del Parco Nazionale del Gargano. Risaliremo lungo i versanti che dal mare si snodano verso l’interno sino a Monte Barone, percorrendo un sentiero con panorami molto suggestivi sulla costa che collega due tra le più belle baie del Gargano. I profondi valloni che dal mare salgono alla montagna, sono ricoperti da latifoglie a prevalenza di Leccio, con significative presenze di Orniello. Alcune zone presentano rimboschimenti di Conifere ed una estesa Macchia Mediterranea. Pian piano che si sale si apre un ampio e suggestivo panorama che abbraccia il Golfo di Manfredonia. Il sentiero da Monte Barone poi, attraversa uno tra i più selvaggi paesaggi del Gargano, plasmati dall'attività secolare delle acque, scende sino alla Baia delle Zagare. Il nome “Baia delle Zagare” deriva dall’abbondante presenza di alberi di limone che crescono spontaneamente sul Gargano per il suo clima temperato. Oltre alle tipiche zagare, il paesaggio della Baia si distingue anche per la presenza di due meravigliosi faraglioni di roccia calcarea che svettano dal mare cristallino e turchese (da qui anche il nome di “Baia dei faraglioni”). Questi faraglioni sono talmente spettacolari da essere considerati come uno dei simboli del Parco Nazionale del Gargano Qui ci fermeremo per consumare la colazione a sacco e se le condizioni climatiche lo permetteranno, fare un bagno. Nel primo pomeriggio, si riprende il sentiero per raggiungere il pullman per ritornare a Foggia.
Scheda Tecnica
Difficoltà: T
(comprende itinerari su stradine, mulattiere e sentieri ben evidenti). È comunque necessario una discreta preparazione fisica.
Dislivello: 640 mt.
Durata:4 ore (il percorso viene effettuato con soste programmate).
Lunghezza:10,00 km
Acqua: 1 lt. secondo necessità
Attrezzatura consigliata: bastoncini da trekking, crema solare, occhiali da sole, costume e telo da bagno, per la sosta a Baia delle Zagare.
Abbigliamento: a cipolla con scarponi trekking e giacca a vento leggera.
Colazione: a sacco
Mezzi di trasporto : pullman Ente Parco - La sezione di Foggia un altro pullman per soci e simpatizzanti, fino a riempimento.
Download scheda:
 
Cartografia