Seguici su:
1
 
jQuery Easy Slides v1.1 - Possibly the easiest to use jQuery plugin for making slideshows
Servizi Sito
Creative CSS3 Animation Menus
  • Iscriviti al CAI Foggia

  • Escursioni

  • Scala delle difficoltà

  • Cammini

  • Arrampicata

  • Canyoning

  • Ferrate

  • MountainBike

  • Neve-Ciaspolate

  • Album fotofrafico 2017

  • Videoteca

  • Calendario attività 2017

  • CAI Ambiente

  • Forum

  • Biblioteca

  • Archivio fotografico

  • Archivio schede tecniche

 
 
a prova
  Di cresta in cresta - Traversata dei Monti Dauni

 

2° Trekking del C.A.I. Foggia - 23-24-25 Aprile 2016
1° Trekking del C.A.I. Foggia - 1-2-3 maggio 2015

Una cavalcata lungo i crinali per circa 82 Km. da coprire in 4 tappe attraversando aree di alto livello storico e paesaggistico.

Occupano la parte occidentale della Capitanata lungo i confini del Molise e della Campania. Antica cerniera tra le vie francigene del Sud e gli imbarchi per la Terra Santa, nonchè terra di transumanza dall'Abbruzzo alla capitanata. Dal punto di vista altimetrico l'area è rappresentata da un rilievo compreso tra la fascia collinare e quella di bassa montagna, con quote sul livello del mare variabili da poche centinaia di metri ad um massimo di 1.151 m. rilievo più alto della Puglia

2
Il Paesaggio
è caratteristico delle aree appenniniche a morfologia tipicamente collinare. Costituito da una serie di rilievi arrotondati e ondulati che degradana verso la piana. Piccole valli accolgono canali a portata sopratutto stagionale, che in corrispondenza di unità argillose, determinano forme di erosione calanchiva.
Cenno sulla orfologia
L'area di interesse pedeappenninico, su larga scala, appartiene al settore della "fossa bradanica" ed è composta di sedimenti detritici e alluvionali. Questi sedimenti determinano la morfologia dolce dei nostri paesaggi.

Aspetti naturalistici

I suoi boschi di latifoglie, oggi grande risorda per tutta la Regione Puglia, sono i veri protagonisti e la loro associazione con rarità faunistiche e botaniche, quali varie specie di orchidee selvariche o di anfibi rinvenuti nelle vasche di raccolta delle tante sorgenti, rendono l'habitat ancora più prezioso.

Altrettanto rilevante è la popolazione dei mammiferi, dai più comuni come la volpe, il cinghiale e il tasso, al più raro e schivo lupo appenninico che probabilmente, seguendo i sentieri della transumanza, si è spostato fin qui.

Aree protette
Lago Pescara - Monte Cornacchia
Siti di importanza Comunitaria (SIC) per la tutela della biodiversità
Monte Cornacchia - Bosco di Faeto
Punti IBA (Important bird area) per l'avvistamento del nibbio reale
Colle Bettino - Casalnuovo Monterotaro
Aree Umide
Area umida di ISCATARE
1
Le TAPPE
TAPPA n.1
CASALNUOVO MONTEROTARO - MASSERIA AVELLANETA
TAPPA n.2
MASSERIA AVELLANETA - ALBERONA
TAPPA n.3
ALBERONA - FAETO
TAPPA n.4
FAETO - ORSARA di PUGLIA
 
NOTE TECNICHE
Casalnuovo Monterotaro - Masseria Avellaneta
1° Tappa
Diff.
Altimetrie
Distanze
Dislivello
E+
min.200m - max. 793 m.
19 Km.
+950 / -700
   
Masseria Avellaneta - Alberona
2° Tappa
Diff.
Altimetrie
Distanze
Dislivello
E
min.540m - max. 981 m.
28 Km.
+1033 / - 1000
 
   
  Alberona - Faeto
3° Tappa
Diff.
Altimetrie
Distanze
Dislivello
E
min.720m - max. 1151 m.
23 Km.
+950 / - 850
 
 
  Faeto - Orsara di Puglia
4° Tappa
Diff.
Altimetrie
Distanze
Dislivello
E
min.620m - max. 975 m.
16 Km.
+450 / - 6000